Crypto exchange Cashaa perde 3,1 milioni di dollari di bitcoin del valore di 3,1 milioni di dollari per gli hacker

Il cambio di criptovalute londinese Cashaa dice di aver perso 336 bitcoin a causa degli hacker.

Il crypto exchange ha ora cessato tutte le transazioni relative alla crittografia, compresi i prelievi e i depositi, man mano che si avviano le indagini sulla violazione. In un tweet, il crypto exchange Cashaa ha affermato che l’hacker ha attaccato uno dei suoi portafogli di Blockchain.com, che viene utilizzato per memorizzare Bitcoin System ed effettuare trasferimenti dallo scambio. Si ritiene che l’hacker abbia impiantato malware in uno dei computer dello scambio.

L’hacker è riuscito a farla franca con 336 bitcoin in pochi minuti

Si ritiene che l’aggressore abbia impiantato malware in uno dei computer dello scambio e quando un dipendente è entrato nella macchina il pomeriggio del 10 luglio per effettuare due distinti trasferimenti, l’hacker ha sfruttato l’opportunità di farla franca con 336 bitcoin, per un valore di oltre 3,1 milioni di dollari. Tutto questo è avvenuto in pochi minuti, tra le 13:23 e le 13:26. Lo scambio di crittografia con sede a Londra ha sospeso tutti i prelievi per le prossime 24 ore, mentre continua a indagare sui danni causati dall’incidente.

Uno dei nostri portafogli con https://t.co/kOkoOMdrEm è stato compromesso e i fondi sono stati trasferiti a 14RYUUaMW1shoxCav4znEh64xnTtL3a2Ek #Cashaaexchangeissafe #Cashaafightsfraud @coincrunchin

– Cashaa (@yourCashaa) 11 luglio 2020

Il crypto exchange sospetta che l’hacker venga dall’India

L’amministratore delegato di Cashaa, Kumar Gaurav, ha dichiarato di aver convocato la riunione del consiglio di amministrazione per decidere se l’azienda si farà carico di tutte le perdite causate dall’hacker. I fondi rubati sono stati presumibilmente inviati a questo indirizzo bitcoin 14RYUUaMW1shoxCav4znEh64xnTtL3a2Ek, ha detto lo scambio. Ci sono prove che suggeriscono che un software misto di monete viene utilizzato per trasferire il denaro e limitare la tracciabilità. Il crypto exchange sospetta che l’hacker provenga da Delhi est, in India, e ha successivamente fatto un rapporto con il dipartimento di cybercriminalità della polizia interessato nel paese. Lo scambio ha dichiarato di aver segnalato l’indirizzo dell’hacker a „tutti gli scambi di crittografia“ nell’ambito degli sforzi per impedire al presunto ladro di utilizzare il denaro.